alt

alt

LA NAZIONALE F.I.K. AI VERTICI NELL’EUROPEO  WUKF.

eventskarate 12 ottobre 2011

di Edgardo Sogno.

 Il funzionale palazzo dello sport della università di Gyor in Ungheria, ha ospitato , lo scorso fine settimana, la 3° edizione dei Campionati Europei WUKF,  la Federazione mondiale “emergente” del karate.

I numeri dell’avvenimento sono a dir poco impressionanti : 1.500 atleti di 42 federazione diverse, provenienti da 24 nazioni ed un livello tecnico altissimo hanno messo a dura prova l’”apparato” organizzativo internazionale tanto che , dal prossimo anno, questa gara si svolgerà su quattro giornate e non più sulle tre attuali.

La competizione, riservata alle classi “Children” , Cadetti e Juniores ha visto lo squadrone FIK (Federazione Italiana karate) recitare il ruolo di “primo attore” insieme alla forte compagine della Romania.

La federazione italiana , presieduta dal Dr. Lazzarini, ha portato in terra magiara oltre 60 atleti , accompagnata da 8 arbitri internazionali e da 10 tecnici a dimostrazione della reale “valenza” della FIK  in Italia.

Nella classifica generale la FIK si è piazzata al terzo posto assoluto dopo la Romania  e la Russia ma, a fare una “analisi” più approfondita dei dati si deve considerare che la stragrande maggioranza delle medaglie conquistate dalla FIK sono nelle classi agonistiche “vere” dei Cadetti/Junior mentre la Russia ha ottenuto parecchie sue vittorie tra i “bambini” (Children).

La Romania poi ha vinto la metà dei suoi “ori” nelle gare a squadre dove la FIK era spesso assente.

In conclusione si può affermare che gli atleti della FIK negli individuali CA/JU sono la compagine , di gran lunga , più competitiva.

Da rilevare anche la grande professionalità dei nostri arbitri;  bravi, onesti ed altamente professionali.

 Adriano Cosma ha ottenuto “sul campo” la qualifica di CAPO-Tatami mondiale , affiancando il nostro Vitaliano Morandi che deteneva già da tempo questo prestigioso incarico.

Tutti i nostri ufficiali di gara hanno superato i test per le rispettive qualifiche internazionali.

Welcome

 

 

Categories:

Tags: