English French German Italian Portuguese Russian Spanish
Company Logo

Osgood Shlatter

osgod

Osgood Shlatter

eventskarate 11 feb. 2009

Dott. Alessio Morandi

 Il morbo d’Osgood-Schlatter è una patologia dell’età evolutiva, che colpisce in maggior modo gli atleti agonisti, praticanti quelle discipline ove l’utilizzo degli arti inferiori è prevalente.

L’evoluzione del karate agonistico, ha determinato una sempre più precoce intensificazione dei programmi d’allenamento e di preparazione atletica. I giovani per ottenere risultati di rilievo, devono aumentare i carichi di lavoro  non rispettando a volte le fasi d’accrescimento.

Questa patologia dal nome molto particolare ( dovuta ai nomi degli scopritori) è a carico della tuberosità tibiale, zona dove s’inserisce il tendine rotuleo; l’incremento della forza del quadricipite determina una trazione su questa inserzione, che nell’età evolutiva non ha ancora ossificato data la presenza di  una zona cartilaginea che permette la crescita. La sintomatologia si presenta con un dolore vivo nella zona anteriore tibiale, che potrebbe ricordare la sensazione di una forte contusione. Il dolore  può essere presente sia a riposo che durante l’attività sportiva o durante le  semplici  funzioni quotidiane e  perdurare anche lunghi mesi( solitamente 2 – 8) nei quali l’attività  fisica va notevolmente ridotta e nei casi più gravi, sospesa.

Negli episodi  ove l’attività va solo ridotta si è soliti  eseguire bendaggi funzionali che cambiano l’asse meccanico del tendine, si utilizza il tape  ma con determinate accortezze, dato che a lungo andare possono impedire il processo di guarigione, non consentendo, con la loro compressione sui tessuti, il giusto apporto vascolare. 

Le cause dell’insorgere  di questo morbo non vanno solo ricercate nell’ipertrofia muscolare del quadricipite, ma anche nel non corretto sinergismo fra catene muscolari. La causa a mio avviso predisponente nel karate dipende dal cambiamento morfo-funzionale della zona lombare conseguente all’utilizzo dei calci.

Le frequenti azioni che prevedono la flessione dell’anca sul busto, determinano infatti un’ accentuazione della lordosi lombare dovuta all’azione primaria dell’ileo psoas, il conseguente antivergere  del bacino  induce poi un cambiamento sugli equilibri meccanici del ginocchio (recurvatum) che determinano una tensione  sul tendine rotuleo, inoltre gli affondi, eseguiti durante gli attacchi di pugno, possono aggravare la situazione.

Pertanto la terapia prevede il riposo, l’assunzione di farmaci antinfiammatori per via sistemica che topica, ma soprattutto ginnastica di riequilibrio e stretching della loggia posteriore degli arti inferiori, dell’ileopsoas e della muscolatura paravertebrale estensoria. 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Scuola Karate Roma



Sponsor

AMDcommunication300x183.jpg

Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.