Rispetto e gratitudine.

  • Stampa

Rispetto e gratitudine.

Eventskarate 24 agosto 2021

Gianfranco Russo

Le parole di cui maggiormente si è perso il significato sono "rispetto" e "gratitudine" ed è incredibile come in alcuni casi potrebbero quasi essere sinonimi. 

 

La misconoscenza di chi ci ha dato la possibilità di giungere dove siamo  è la cosa più vergognosa che si possa avere. 

"Il maestro mostra la porta, ma è l'allievo che la deve attraversare"... questo per le pulci delle arti marziali  diventa "mi sono fatto da solo", oppure "...e un giorno ho avuto la fortuna di incontrare..." o ancora "sono allievo diretto di...".

La cosa affascinante del tradizionale è il sistema in uso del grado di parentela, per cui il mio maestro è mio padre, il maestro del mio maestro è il nonno, l'allievo più anziano è il fratello maggiore e così via, tutto mutuato dall'impostazione confuciana per cui ognuno sa bene quale sia il suo posto nella società. 

La conseguenza di questo è che tu potresti anche diventare mille volte più bravo di tuo padre, ma tuo nonno rimane tuo nonno e tuo padre rimane tuo padre. 

Oggi le pulci delle arti marziali procedono per la scalata al maestro più importante omettendo attentamente ogni passo fatto e ogni debito di riconoscenza. 

Siamo gnomi in groppa a giganti e qui ti dico che io sono profondamente in debito con ognuno dei maestri che ho avuto l'onore di avere nella mia seppur breve vita. 

...ma questo è solo l'inizio!