alt

A PROPOSITO DI …

TANTO PER COMINCIARE!

eventskarate gennaio 2002

alt

di Ferruccio Parri

Con questo numero, la nostra rivista inaugura una rubrica che, nel rispetto delle normative sportive e penali vigenti, propone al lettore attento, fatti positivi e negativi che accadono nel mondo del karate nazionale ed internazionale: il nostro fine non è quello di criticare questo o quel personaggio, ma di proporre una informazione, a volte non di parte, ma che può essere utile a far crescere questo nostro bellissimo sport ed a far riflettere , i nostri praticanti su quanto di buono si sta facendo ma anche su quanto di buono si potrà fare.In una riunione di tutti i componenti dello staff tecnico della nazionale, tenuta ad Ostia lo scorso mese di Aprile, è stato (finalmente) comunicato il calendario delle convocazioni per l’intero anno 2002, a tutti gli allenatori. In pratica ora, tutti gli allenatori della nazionale sanno, con alcuni mesi di anticipo, a quali gare parteciperanno nell’anno in corso. Molti lettori diranno che è una cosa ovvia, che in tutti gli sport è così da sempre; beh, da noi è così da adesso. Comunque è una decisione positiva e non possiamo che plaudere chi l’ha messa in atto, a quando la stessa cosa per le convocazioni degli arbitri sia impegnati per le gare nazionali che per i corsi ed i campionati internazionali?

Abbiamo letto i convocati in partenza per i Campionati Europei di Tallin: con soddisfazione si è constatato che sono i campioni d’Italia in carica delle varie categorie a partire (tranne uno negli 80 kg che milita in una società che sta passando… con una federazione concorrente alla nostra (vedi ultimi numeri di “SAMURAI”). Molti lettori penseranno che è una cosa ovvia che a rappresentare una nazione debbano andare i primi di ogni categoria (a meno che chi arriva secondo o terzo non sia il campione internazionale in carica – aggiungiamo noi) ma da noi sembra essere così da … adesso. Bene comunque, non possiamo che essere felici (come tutti i karateka italiani) di questa regola chesperiamo rimanga “la regola” …..

Nell’assistere alle finali dei Campionati italiani 2002 di kata, kumite senior a squadre e persino della Coppa ItaliaCTR,tutti hanno notato, in modo assolutamente positivo, che il nostro Direttore tecnico seguiva con attenzione tutti gli incontri, soprattutto le finali: molti lettori penseranno cheè ovvio che sia così che tutti i D.T. di tutti gli sport si comportano cosi. Bene,benissimo ma da noi non sempre è stato cosi; tutti si augurano che questa positivaabitudine rimanga tale anche in futuro.

Fino a qui abbiamo registrato tre “regole” più che positive applicate recentemente ne1 settore karate della nostra Federazione; ora mi sia consentita una domanda riguardo il modo un po’ “originale” di compilare 1e classifiche su “certi” articoli, al termine dei vari campionati europei di karate.

Infischiandosene della classifica ufficiale diramata al termine di ogni campionato dalla UEK (in cui si conteggiano gli ori, gli argenti ed i bronzi nell’ordine cosi come anche correttamente riportato su “ATHLON classifiche” vedi supp1. 04/02) qualcuno, per esempio quando l’Italia è terza o quarta nel medagliere ufficiale, in base ad una compilazione del tutto “personale” (10 punti all’oro. 8 all’argento, 6 al bronzo). classifica la nostra nazione sempre al secondo posto (dietro l’inarrivabile Francia).

Quando l’Italia arriva veramente seconda (come a Tallin) allora il conteggio per punti/medaglia non … vale più?

Se si andassero a contare i punti/gara (ideati dal cronista in questione) la seconda nazione, a Tallin, sarebbe la Spagna che con tre ori, quattro argenti e quattro bronzi avrebbe (secondo ì “canoni” non ufficiali) 86 punti mentre l’Italia con tre ori, cinque argenti e due bronzi ne raggiungerebbe 82.

Ora, la domanda è questa: ma la classifica cambia a secondo di chi la compila, o vale sempre quella diramata dagli organi UEK e dai bollettini ufficiali ATHLON/FIJLKAM?…

 

 

 

                                                                                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categories:

Tags: