alt

 

GOGEN YAMAGUCHI

alt

 

GOGEN YAMAGUCHI: “IL GATTO”

 

Gogen Yamaguchi, hanshi 10° dan nacque a Kagoshima, in Giappone, nel 1907 e morì nel 1989. Yamaguchi sensei è il fondatore del goju ryu giapponese e del Goju kai, noto come “Il Gatto” presso i suoi allievi occidentali, che lo soprannominarono così per via dei lunghi capelli e dei movimenti veloci e felini. Un’altra fonte racconta che gli ufficiali americani che studiavano con lui lo chiamavano così perché scivolava silenziosamente sul pavimento del dojo senza che essi riuscissero a sentirne i passi quando si avvicinava loro arrivando da dietro. In ogni caso, il nome rimase e lo accompagnò per tutta la sua carriera di karateka. Se guardiamo le immagini degli anni 60, possiamo notare che aveva le sembianze e il carisma di un guru spirituale e in effetti divenne una leggenda già in vita. Non era tanto alto: 1 metro e 67 per 72 kg circa, ma dava l’impressione di essere molto più grande e potente. Sorrideva raramente e i suoi occhi assomigliavano a quelli di una tigre. Aveva tre figli e due figlie, tutti cinture nere di karate. Nel 1964 Yamaguchi aiutò a costituire la All Japan karate do federation, che riuscì a unificare alcuni dei principali stili di karate come lo shotokan e il wado ryu.

Il goju ryu karate e la Goju kai Nel corso della sua lunga carriera contribuì in modo significativo all’evoluzione del karate giapponese. Si deve a lui lo sviluppo del jiyu kumite o combattimento libero, che venne poi adottato nelle competizioni. Yamaguchi pensava che il sistema originale di goju di Okinawa fosse troppo statico e che la pratica del kata e gli esercizi di sparring inibissero gli studenti nel creare combinazioni durante il kumite, impedendo loro di proseguire l’azione quando l’avversario presentava un’apertura nella propria difesa.

Sviluppò così certe tecniche che furono poi ampiamente usate nel kumite. Lo stile goju ha origine nell’isola di Okinawa (Giappone) che si trova a circa 300 miglia a sud della principale isola giapponese. Kanryo Higahonna (1851 -1915), il praticante più anziano del Nahate, andò in Cina nel 1891 e studiò uno stile cinese. Chojun Miyagi (1888-1953), il successore di Higahonna a Okinawa, studiò gli stili nativi di Okinawa e il Nahate con Higahonna. Negli anni ’20 Miyagi sviluppò ciò che aveva imparato da Higahonna e fondò il karate goju ryu. La parola goju significa “duro e morbido” e sottolinea l’importanza data in questo stile sia alle tecniche dure che a quelle morbide, senza le quali non sarebbe possibile un completo adattamento a ogni possibile situazione nella lotta. Miyagi usava concetti tratti da un libro cinese intitolato Bubishi, ovvero “Spirito dell’arte marziale”. Il testo era un un libro mistico tenuto in grande considerazione dai maestri okinawensi. In effetti, il nome goju deriva dagli otto poemi del pugno contenuti nel Bubishi. Con il goju Miyagi voleva combinare movimenti duri o forzati con movimenti morbidi o cedevoli, complementari fra loro.

Questo concetto orientale che unisce le forze opposte della natura è chiamato anche yin e yang in cinese o in e yo in giapponese. Nel 1929 Miyagi visitò il Giappone su richiesta di Yamaguchi sensei e insegnò all’Università Ritsumeikan di Kyoto, dove Yamaguchi aveva fondato il Ritsumeikan dojo. Miyagi in seguito nominò Gogen Yamaguchi capo del goju ryu in Giappone. Yamaguchi costituì l’All Japan karate do goju kai nel 1930. L’emblema del Goju kai di Yamaguchi è probabilmente ispirato al pugno di Miyagi sensei. Nel 1939, a causa della politica espansionistica giapponese, Yamaguchi dovette lasciare la sua scuola Goju kai per andare in Manciuria come ufficiale del governo giappponese. Alla fine della guerra, i russu avevano riguadagnato il controllo sulla Manciuria e Yamaguchi fu preso prigioniero. Inizialmente scelto per lavorare nei campi di lavoro forzato russi, quando i suoi guardiani scoprirono che era un maestro di karate, lo scelsero per insegnare il karate ai soldati russi. Finalmente fu rilasciato nel 1945 e tornò in Giappone.

Dopo la guerra, Yamaguchi si impegnò a ricostruire l’organizzazione della Goju kai.

Le forze alleate avevano messo fuori legge la pratica delle arti marziali durante l’occupazione. Tuttavia, il karate non era molto noto agli occidentali a quel tempo, e non fu bandito come le altre discipline.

Il singolare modo di presentarsi di Yamaguchi e i vecchi valori tradizionali dei samurai lo aiutarono a espandere lo stile e la Goju kai in Giappone. Inoltre, l’occupazione portò molti ufficiali in Giappone. Alcuni di essi cominciarono a studiare il karate nel dojo di Tokyo di Yamaguchi sensei. Quando finirono il loro periodo di ferma in Giappone, portarono lo stile con loro negli Stati Uniti.

Tutto ciò contribuì a espandere massicciamente la Goju kai all’estero.

Più tardi, Yamaguchi riuscì a far ammettere il goju ryu come arte marziale nel Dai Nippon Butotukai o Associazione delle virtù marziali del grande Giappone, il corpo ufficiale che governava le arti marziali giapponesi a quel tempo.

Yamaguchi era famoso per il suo Seishin renshu o allenamento dello spirito, sul monte Kurama in Giappone. Yamaguchi, che era un prete shintoista e praticava anche yoga, dava grande enfasi all’allenamento all’aperto per realizzare l’armonia con la natura. Il seishin renshu di Yamaguchi consisteva nella meditazione sotto una cascata nell’acqua gelata dell’inverno. Utilizzava i rituali shintoisti per tributare rispetto ai kami o spiriti e dei della natura, usando particolari posizioni delle mani per chiamare i kami, i kuji giri o kuji ho con i quali creava consapevolezza spirituale e concentrazione. Mentre meditava sotto la cascata eseguiva anche i movimenti del Tensho kata. Usava questa forma di shugyo o “allenamento severo”, per purificare e rafforzare lo spirito.

Non solo, l’idea di Yamaguchi era di combinare gli elementi dello shugyo, della meditazione e i concetti della respirazione dal kata Sanchin per realizzare l’unità spirituale nell’allenamento del karate.

In Giappone la Goju kai ospitava un campo estivo di allenamento ogni anno dove si svolgeva di regola un duro lavoro e un allenamento severissimo. Oltre al kata e al kumite si praticava il tameshi wari, il test di forza nel quale si rompono tavole di legno o tegole e che mostra la potenza del karate e l’uso appropriato della tecnica. In questi campi i praticanti di goju indossavano hachimachi o bandane che nella cultura giapponese aveva il significato di duro lavoro.

Nel 1950 il quartier generale della Goju kai fu trasferito da Kyoto a Tokyo, il che ebbe come effetto una notevole espansione dello stile sia in Giappone che nel resto del mondo. Verso il 1970 il sistema di goju di Yamaguchi divenne uno degli stili principali di karate. Fu in quel periodo che la Goju kai raggiunse la massima popolarità, annoverando più di 450.000 membri.

Dopo la morte di Yamaguchi sensei nel 1989, l’organizzazione Goju kai passò al figlio più giovane, Goshi, il quale prese le redini dell’organizzazione I.K.G.A e J.K.G.A diventandone presidente.

Da “SAMURAI” anno 8 n. 5 1997

 

Categories:

Tags: