alt

 

Lettera aperta al dimissionario FIJLKAM Sig. Giuseppe Lodeserto

eventskarate 07 novembre 2009

alt

Cari amici,

fino ad oggi avete creduto che le persone più pericolose siano i prepotenti, gli arroganti, gli autoritari e gli ipercompetitivi. Giusto? No. Le persone veramente pericolose sono quelle che tramano dietro le quinte, e che vi fanno il vuoto intorno. Quelle che vi danneggiano, dicendo che però lo fanno per il vostro bene. Le persone che s’impongono, non con la forza, ma con i sotterfugi o le lamentele.

A queste conclusioni è giunto lo studioso Daniel Samuelson, psicologo e psicoanalista, specializzato in Psicodinamica relazionale.

Perché tutto ciò ?

Perché dopo ben tredici anni nel Settore Karate del Comitato Regionale Pugliese, sia pur rieletto nel gennaio di quest’anno, mi sono trovato a vivere tale situazione ed ho ritenuto opportuno dimettermi dalla carica di Vice Presidente di Settore.

Ritengo di aver onorato al meglio il mio incarico sia pure con tante traversie; togliendo tempo alla mia famiglia per offrirlo con spirito di servizio a tutte le componenti del karate pugliese ed alla federazione.

Ora chiudo e dico grazie agli amici che mi hanno dato tanto e, soprattutto, sopportato; per loro avrò sempre tempo da dedicare.

Agli altri ricordo che nel Canto III dell’Inferno, al verso 51, Virgilio, guida di Dante, dice: Fama di loro il mondo esser non lassa; misericordia e giustizia li sdegna: non ragioniam di lor, ma guarda e passa.

E per chiudere voglio porvi un quesito: Don Arena, nel romanzo Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia, divide l’umanità in uomini e mezz’uomini, ominicchi, piglianculo e quaquaraquà: “Io ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà… Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, chè mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini… E invece no, scende ancor più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi…E ancora più giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito… E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, chè la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre…” personalmente mi ritengo un uomo, ognuno si faccia un attento esame di coscienza e decida in quale categoria collocarsi.

In Lecce, nel giorno della Festa di San Giuda, 28 ottobre 2009.

Giuseppe Lodeserto

 

 

Di SAKHMET

Ed ora, dopo aver letto la lettera del Signor Giuseppe Lodeserto del comitato regionale Puglia, permettetemi di inviargli questo messaggio:

Al Signor Giuseppe Lodeserto

Pur non potendo, per ora, presentarmi, sappia che ho di lei grande stima!
Non la conosco, nè come uomo, nè come dirigente federale, eppure, in cuor mio, sento che stiamo perseguendo una medesima strada, seppur con possibilità di manovra diverse.

Per chi è dell’ambiente, le parole della sua lettera, sono chiare ed inequivocabili!
Lei ha ragione nel citare Sciascia; quale miglior esempio di quello che ha dato potrebbe calzare su individui che la fanno da padrone da anni, sui loro servi-zerbini e sulle loro figliolanze?

Condivido ogni virgola di ciò che ha detto e ne apprezzo lo spirito! Purtroppo non tutti hanno il fegato di dichiarare talune verità!

Dietro le quinte dei comitati regionali trama sempre lo stesso individuo da anni, troppi!
Egli circuisce, ammalia con bontà paterna, rassicura e inganna allo stesso tempo, e soprattutto pugnala alle spalle inesorabilmente, anche quelli che, nonostante tutto, lo hanno servito!

Giuda è troppo poco per lui!
E’ un essere spregevole, che pretende le regole dai nemici e sotto banco permette la violazione delle medesime agli “amici”.

Avrei anche altro da dire, ma intendo chiudere dicendole: Mi spiace che abbia ceduto e si sia ritirato, purtroppo ora ha lasciato spazio a certi soggetti di giostrare la Puglia, forse se avesse tenuto duro… comunque le porgo i miei auguri !

 

 

Categories:

Tags: